Letture di poesie ad Amsterdam

Versione stampabileInvia a un amico

A maggio del 2016 - in occasione del semestre di presidenza olandese della UE - sono state diffuse in molti luoghi pubblici di Amsterdam (aeroporto, metropolitane, uffici turistici, Consiglio comunale) le letture di poesie di 56 poeti europei.
Per l’Italia è stata selezionata la poesia di Lucio Mariani che qui si trascrive.
 
 
ACCOGLIENZA
 
Da est, da sud gente preme e persevera dolente.
Tendono i biondi figli e grigi e neri dalle coste del mare,
li spingono oltre l’asta doganale
bianca e rossa di zucchero candito, li espongono alle porte
della divina Europa. Europa, opulenta e stordita
da sembrare un capriccio di Rubens, Europa che ascolta
e non comprende, scorge e non vede
la valanga palpitante dei poveri. Basterebbe tornare alla storia
secondo il verso di recenti corsi per capire
che in questo continente a un grappolo di popoli satolli
accade quel che accadde alle caste nelle regioni di Francia e Russia
con la fine del grande privilegio: intrise di commerci,
di congettura, di blanda coscienza, ricche,
nel corpo esangui, esangui dentro il talamo,
troppo prossime ai mali e a pene d’altri
per restare impunite da tanta voce e così urgenti bocche.
 
HOSPITALITY
 
From the East, from the South, people persevere and press on,
They stretch their sons, blonde and gray and black, from the seacoasts
They carry them beyond the border barrier,
white and red like sugar candy, and expose them to the doors
of Divine Europe. Europe, opulent and stoned
like a capriccio from Rubens, Europe that listens
and doesn’t comprehend, glimpses
but doesn’t see the pounding avalanche of the poor. It would be enough to go back to recent turns of History to understand

that in this continent, to a cluster of replete populations, the same thing will happen as with the castes of France and Russia,and the end of their great privilege: soaked in commerce, conjecture, mild concience, rich, pale in body, and in the thalamus, too close to others’evil and pain, to remain unpunished by such voice and such urgent mouths.
 
 

1/5/2016